L’apertura della mostra si è tenuta all’Avis Provinciale di Modena il 4 marzo presentata da Livio Bonomi, presidente dell’Avis di Modena.

Sono intervenuti Massimo Poltronieri che ha ideato l’allestimento della mostra, Federico Marassi Professore di Scienze dei Beni Culturali, curatore del GRUPPO AVIS ART che ha redatto il testo della brochure, realizzata a cura degli uffici di Avis Provinciale.

Giuseppe è un pittore autodidatta di Modena che usa colori ad olio spatolati su tela per raccontare, come dice lui,”con sapore di avanguardia, in salsa modenese”, il tessuto sociale della nostra provincia.

Racconta come Modena, prima di essere la città dei motori era la città della musica, della convivialità. “La pittura si fa con il sentimento, è qualche cosa che si ha dentro e che esprimendolo dà piacere e soddisfazione”

In fermo immagine sulle sue opere ritroviamo nature morte e paesaggi. Un suonatore di fisarmonica con l’espressione persa nella sua musica e un violinista nel vortice della sua musica. Dei giocatori di carte in cui chissà quante persone possono ritrovarsi, che con quelle 40 amiche hanno condiviso del tempo .E persino dei ladri di parmigiano, a completare il racconto della nostra zona. E’ così che prendono forma i suoi quadri.

Il soggetto che a lui interessa, amando il cubismo, lo scompone. Si creano sulla tela forme geometriche semplici, variamente composte, in intersezione, che solo in un secondo momento ci suggeriscono il soggetto reale. Dell’oggetto c’è solo il concetto formale.

Si devono guardare i suoi quadri con attenzione, non si possono comprendere con uno sguardo solo. Si analizzano le singole parti e si ricostruiscono mentalmente per arrivare al suo significato. La prospettiva non esiste e sfondo e soggetto hanno la stessa importanza. Dice di scegliere i colori come si fa in musica uno vicino all’altro a comporre una sinfonia, senza stonature. Li usa come flash di luce ,sui particolari, a cogliere le espressioni.

Giuseppe mette nelle sue opere tanto del suo vissuto con la passione e gioia e lo ringraziamo per questo e per la sua collaborazione con Avis. Sono certa che tutte le persone e donatori che guarderanno le sue opere esposte, se ne andranno arricchiti dalle emozioni che scaturiscono dai suoi quadri.

SI RENDE NOTO CHE, a cura del prof. Federico Marassi, sarà possibile effettuare la visita guidata alla mostra il giovedì pomeriggio previa prenotazione all’indirizzo: federico.marassi@istruzione.it, oppure telefonando all’AVIS Provinciale al numero 0593684911

Giuliana Tini
La mostra resterà aperta, da sabato 4 marzo alle ore 17.00 fino a venerdì 5 maggio presso la sede Avis di Modena.

Orari: dal lunedì al sabato ore 7.30-12.00, domenica ore 7.30-11.00, il pomeriggio su appuntamento.

 

 

 

 

 

(articolo aggiornato in data 16/03./2017)