Avis Regionale e Avis Provinciale piangono Fabio Campioli

/Avis Regionale e Avis Provinciale piangono Fabio Campioli

Avis Regionale e Avis Provinciale piangono Fabio Campioli

Il ricordo del dirigente scomparso dei presidenti Pirazzoli e Terenziani

Incredulità, sgomento, costernazione. Questi sono i sentimenti che hanno pervaso ciascuno di noi quando è giunta la devastante notizia della scomparsa di Fabio.

A Fabio era impossibile non volere bene per la sua generosità e per la sua capacità di entrare subito in sintonia con qualunque interlocutore, fosse un singolo donatore, un volontario, un dirigente o un rappresentante delle istituzioni.

Già giovanissimo la tensione politica lo spinge ad assumersi ruoli sempre più impegnativi. Col tempo, rimanendo inalterata la sua passione, gradatamente rinuncia ai ruoli dirigenziali ricoperti per darsi ad un impegno, altrettanto forte ed appassionato, nell’ambito sociale e del volontariato.

L’associazione Kabara Lagdaf e l’Avis erano le due organizzazioni nelle quali aveva profuso in maniera preponderante la sua attività e le sue energie.

La prima era una sua creatura da quando, oltre 25 anni fa, aveva deciso di impegnarsi in progetti di sostegno e cura per le popolazioni del Saharawi.

Per trovare le risorse necessarie a questo progetti, divenuti una scelta di vita, non lasciava nulla di intentato: dalla ricerca di finanziamenti a livello pubblico alla capillare distribuzione delle ormai immancabili cioccolate e delle uova di Pasqua che scandivano l’avvicinarsi delle festività anche in molte delle sedi Avis della provincia di Modena.

Al suo modo di fare nessuno poteva dire di no, perché Fabio chiudeva ogni velleità di protesta con la sua immancabile risata. Con straordinaria tenacia, come ricorda l’ex Senatore Stefano Vaccari: ”Fabio era quello che ti telefonava per chiederti fino allo stremo di essere presente ai pranzi e alle cene, o per chiederti di andare all’ONU a parlare davanti alla IV Commissione dopo aver sentito Omar Mih per il Polisario in Italia. Non c’erano le vie di mezzo”.

La sua seconda passione era l’Avis. Divenuto donatore nel 1990, assume già nel 1993 la prima responsabilità nei vari organismi associativi a livello locale, regionale nazionale.

 

Fabio Campioli premiato in occasione del 50° di Avis Formigine. Da sinistra: Giorgio Sghedoni, presidente Avis Formigine, dietro Elisa Bonini, Maria Costi Sindaco di Formigine, Fabio Campioli e Maurizio Pirazzoli presidente Avis Regionale Emilia Romagna

 

Nell’ Avis comunale di Formiginericopre dal 1993 e sino al 1996 la carica di consigliere. Dal 1996 al 2001 diviene responsabile della Commissione Organizzazione e Sviluppo della sezione, della quale diventa presidente per il triennio 2002 – 2004. Ad oggi era nuovamente responsabile della Commissione Organizzazione e Sviluppo.

Nell’ Avis Provinciale ha ricoperto dal 1993 al 1996 la carica di responsabile della Commissione Giovani; dal 1996 al 2004 è rimasto componente del Consiglio Provinciale. Nel 2005 entra a fare parte dell’esecutivo ricoprendo la carica di responsabile della Commissione Organizzazione e Sviluppo, carica ricoperta sino a tutt’oggi.

 

Fabio Campioli premiato da Luigi Ferrari Assessore alle politiche sociali del Comune di Formigine in occasione del 50esimo di Avis Provinciale nel 2007.

 

Nell’ Avis regionale dell’Emilia Romagna ricopre la carica di consigliere nel triennio 2002 – 2005; componente del collegio dei probiviri regionali dal 2005 al 2009; di nuovo consigliere dal 2009 a tutt’oggi.

Il suo impegno nel volontariato non poteva non trovare spazio anche in uno degli organismi che tale realtà meglio rappresenta: Il Centro Servizi del Volontariato di Modena del quale è stato componente del consiglio direttivo dal 2011 al 2014 e responsabile dell’organismo di controllo contabile da Luglio 2017 a tutt’oggi.

Ma per quanto lunga e articolata sia la descrizione degli incarichi ricoperti, essa non è neppure lontanamente esaustiva di cosa abbia realmente significato Fabio per tutto il mondo del volontariato. Era una presenza costante, un punto di riferimento, un motore di attività, una voce qualche volta fuori dal coro ma sempre e comunque una certezza. Dotato di spiccata sensibilità aveva la capacità di mettere in rilievo le problematiche e di cercare le strade meno cruente per risolverle.

 

Fabio Campioni con uno dei bambini Saharawi

 

L’ultimo ricordo che ci portiamo nella mente e nel cuore risale a Domenica 9 Settembre quando ha prestato il suo servizio alla Pesca Gigante della Festa dell’Unità di Modena pronto ad arringare, come solo lui sapeva fare, i visitatori perché “pescassero”, allegro e scanzonato come sempre.

Da questo momento l’immagine di Fabio si sgrana e si dissolve dolorosamente, in maniera quasi irreale, nell’incredulità di un evento che ancora ci pare impossibile e che ci strappa, in maniera cruenta, una parte stessa della nostra stessa vita. Perché con Fabio se ne va anche una parte di noi, quella parte che il suo impegno, la sua dedizione ma anche la sua semplice presenza, aveva contribuito a costruire e che non ci verrà mai più restituita.

Non se ne vanno, invece, i milioni di interrogativi che ci tormentano e ci tormenteranno e che, se possibile, contribuiscono a rendere ancora più dolorosa questa vicenda.

Ciao Fabio e grazie per tutto quello che hai fatto per il volontariato, per la nostra associazione ma anche per tutti noi singolarmente. E grazie per come sei stato, unico e irripetibile come ti abbiamo più volte detto. Ci mancherai.

Il presidente Avis Regionale Emilia Romagna
Maurizio Pirazzoli

Il presidente Avis Provinciale Modena
Cristiano Terenziani

By |2018-10-04T08:44:06+00:0017 settembre 2018|0 Commenti

Scrivi un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione. Senza i cookie alcuni elementi del sito non potranno essere attivati. Per maggiori informazioni leggi la nostra Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi