Prima dono poi parto: è quello che ci raccontano i donatori della nostra regione scelti come testimonial per la campagna sulla donazione estiva promossa da Avis Emilia Romagna.

Anche quest’anno (e nonostante il meteo) giugno luglio e agosto saranno i mesi più critici per coprire il bisogno di sangue, per i malati, per le operazioni chirurgiche, per le emergenze che purtroppo non vanno mai in vacanza. Occorre, in estate più che mai, scongiurare il pericolo di un possibile calo delle scorte.

Quello che possiamo fare è una sola cosa: programmare la nostra donazione prima o subito dopo le ferie. E quest’anno saranno gli stessi donatori/testimonial della campagna a chiedere di seguire il loro esempio, “mettendoci la faccia” sulle locandine, i manifesti, i pannelli informativi che troveremo nelle Aziende sanitarie, al Centro regionale sangue e naturalmente nelle sedi Avis.

Ma il racconto non si ferma qui e ognuno può diventarne protagonista.

Ogni donatore, infatti, dopo aver effettuato il proprio prelievo potrà fotografarsi davanti all’immagine della campagna, scrivere un messaggio personale e pubblicarlo sui social.

Sarà una piccola goccia di testimonianza che, insieme a tante altre, renderà virale il messaggio Prima dono poi parto.

E l’estate, per noi e soprattutto per chi ha bisogno di sangue, sarà più serena.